tracolla donna Borsa a Nero Damara Nero EAcYZqw6R tracolla donna Borsa a Nero Damara Nero EAcYZqw6R tracolla donna Borsa a Nero Damara Nero EAcYZqw6R tracolla donna Borsa a Nero Damara Nero EAcYZqw6R
Mynt ANNIE a Donna London Borsa zainetto FLY g6qpY5TWw
Visto Revocato - SCAGLIARINILAW
a Borsa Damara Nero tracolla donna Nero 22896
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-22896,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.6,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Nero Damara tracolla Borsa Nero a donna

tracolla donna Borsa a Nero Damara Nero EAcYZqw6R

L’avvocato Giuseppe Scagliarini e’ un Avvocato di Immigrazione USA e di diritto Commerciale Internazionale e offre assistenza s imprenditori, aziende e individui qualificati che intendano ottenere il visto per trasferirsi o effettuare investimenti negli Stati Uniti.

 

 

Revoca del Visto per gli Stati Uniti d’America.

 

 

Recentemente, ci sono stati riportati varie casi il cui il visto per gli Stati Uniti e’ stato revocato dal Consolato successivamente alla approvazione del visto stesso.

 

Questo e’ causa di molteplici difficolta’ qualora il titolare del visto sia al di fuori degli USA e sia in fase di programmazione di viaggi negli Stati Uniti, soprattuto per detentori di visti di lavoro o di investimento – si pensi alla difficolta’ che tale revoca repentina puo’ causare nella gestione della impresa o della filiale USA dell’azienda.

 

A maggior ragione, difficolta sorgono in caso di revoca del visto che avvenga mentre il detentore dello stesso si trova negli Stati Uniti. Sono stati portati alla nostra attenzione casi in cui il visto e’ stato revocato anche a persone fisicamente presenti negli Stati Uniti, particolarmente a seguito di un arresto per guida in stato di ebrezza (DUI).

 

Questa “prudential revocation” e’ stata effettuata dal Consolato con semplice notifica via email all’interessato informando che il visto e’ stato revocato e con richiesta di inviare il passaporto su cui e’ apposto il visto al Consolato perche’ possa essere fisicamente cancellato.

 

Problemi pratici sorgono in questi circostanze per determinare se il detentore del visto diventi immediatamente soggetto a unlawful presence (presenza non autorizzata negli Stati Uniti) che possa generare nel tempo preclusioni temporali al rientro in USA.

 

In pratica, il consolato ha sempre avuto facoltà’ di revocare qualsiasi tipo di visto, particolarmente in caso di minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, o per qualsiasi altra ragione, per prevenire l’entrata in USA di individui che avessero precedentemente ottenuto il visto ma per cui siano state ottenute nuove informazioni che inducano il consolato a revocare prudenzialmente il visto stesso, ma soltanto recentemente i Consolati USA hanno iniziato a usare aggressivamente questa facoltà’ per semplici arresti per DUI, al primo incidente, ancora in attesa di giudizio e senza nessun preavviso.

 

In pratica, la legge invocata per revocare il visto in caso di DUI e’ la Sec. 212(a)(1)(A)(iii) dell’Immigration and Nazionality Act (INA) che dispone un potenziale criterio di inammissibilità’  “for a physical or mental disorder with associated harmful behavior that is likely to pose a threat to the property, safety, or welfare of the applicant or others in the future.”

 

In pratica, il consolato revoca il visto per forzare una visita medica presso un “panel physician”, cioè’ un medico convenzionato approvato dal consolato. Il panel physician dovrebbe essere in grado di appurare se il soggetto presenti problemi ricorrenti di alcolismo o altro abuso di sostanze psicotrope che ne possano fare prevedere il “comportamento nocivo” (harmful behavior) futuro.

 

Ma non e’ assolutamente chiaro cosa deve fare chi si trova gia’ negli Stati Uniti e viene raggiunto da comunicazione che il proprio visto e’ stato revocato prudenzialmente dal consolato. Esistono disparita’ di interpretazione sul punto, e in particolare se il soggetto sia costretto a lasciare immediatamente gli Stati Uniti (sia pure in corso di giudizio) e se questi sia soggetto a “removal” cioè’ rimozione forzata dal territorio degli Stati Uniti Ex. INA Sec. 237(a)(1)(B).

 

Altre fonti sembrano indicare un approccio piu’ ragionevole, in base al quale il candidato puo’ terminare il proprio soggiorno senza incorrere overstay, ma non potrà’ piu’ usare il visto revocato come documento di entrata negli Stati Uniti per viaggi futuri, e dovrà’ richiedere nuovo visto.

 

In materia di revoca di visto, esistono disparita’ di interpretazione ed e’ ampiamente consigliato consultare in avvocato esperto di diritto di immigrazione prima di prendere qualsiasi decisione relativa alla propria abilita’ di viaggiare o rimanere negli Stati Uniti, e prima di richiedere un nuovo visto per gli USA.

 

L’avvocato Giuseppe Scagliarini offre assistenza e consulenza a cittadini italiani il cui visto sia stato revocato dal consolato Americano in Italia. Se avete necessita’ di una consultazione in materia, o in materia di visto per gli Stati Uniti, non esitate a contattarci.